Categorie
Cucina Fattoria Fattoria Didattica km 0 Ricette

Mani in Pasta! Prepariamo gli Acciuleddi

Un dolce semplice e buonissimo, perfetto da gustare sia per colazione che come dessert

Gli Acciuleddi sono un dolce tipico della Gallura, ottimo in qualunque occasione! Anticamente erano tipici del periodo di Carnevale, ma sono gustabili in qualsiasi stagione.

Vi lasciamo questa domenica con il procedimento per prepararli in casa!

INGREDIENTI

1 kg di farina 00

250 gr di strutto

2 uova

100 gr di zucchero

Scorza di limone (o di arancia)

Olio per friggere.

PROCEDIMENTO

Sistemate la farina in un tavolo per impastare, fate uno spazio al centro e aggiungetevi al centro lo strutto, lo zucchero e le uova.

Lavorate quindi il tutto: dovrete ottenere un impasto omogeneo e morbido.

A questo punto, dalla pasta staccate dei pezzi che dovrete lavorare fino a formare dei bastoncini (non troppo sottili!) che attorciglierete per formare una treccia.

Una volta che avrete tutte le treccine, procedete con lo scaldare l’olio e friggere i vostri acciuleddi.

..non è finita!

Se ne avete fatto tanti e volete conservarli, potete metterli in un canovaccio e dureranno uno/due mesi. Altrimenti, prendete un tegame, mettete del miele, fatelo scaldare bene, e immergete gli acciuleddi per far sì che ne vengano ben ricoperti. Dopo qualche minuto, sono pronti per essere serviti!

ph. Ale Cossu
Categorie
Attività Cucina Fattoria Fattoria Didattica Ricette

Mani in Pasta!

Domenica di pioggia o di chiusura? Non vi resta che darvi alla cucina: condividiamo con voi due giorni di laboratorio Mani in Pasta con le ricette tipiche della Gallura

Vi avevamo già anticipato la ricetta della zuppa gallurese, non potevano mancare queste! Questo fine settimana e il prossimo condivideremo con voi due ricette tipiche che vengono generalmente servite nel nostro menù. Sono ricette semplici e che ognuno può fare a casa propria: serve solo un po’ di manualità! Generalmente, facciamo fare questo laboratorio ai bambini in fattoria didattica, perciò, se avete bambini a casa, è il momento giusto per coinvolgerli in qualcosa di divertente.

ph. Alice Secchi

Prima ricetta: Chjusoni, gnocchi galluresi

Chi viene in Sardegna, in particolare in Gallura, non può non averli incontrati: gli gnocchi tipici galluresi, lavorati (scaàti) e non, sono uno dei primi di pasta tipo i della zona.

Non fatevi ingannare dal loro sapore e morbidezza! Negli gnocchi galluresi non c’è uovo, né patate: solo acqua, semola e un pizzico di sale. Il segreto della loro morbidezza sta nell’acqua calda!

Quale periodo migliore per provare a prepararli?

Ingredienti per 4 persone

⁃ Farina di grano duro 500 g
⁃ Acqua calda q.b.
⁃ Sale q.b.

Procedimento

  1. Mettete una pentola sul fuoco con circa 300 ml di acqua e iniziate a misurare la farina in una ciotola sufficientemente grande per contenere l’impasto.
  2. Quando l’acqua sarà calda (non deve bollire!), aggiungetela pian piano alla farina con qualche pizzico di sale, mescolando man mano di modo che non si formino i grumi e dosandola pian piano* (non sarà necessario usarla tutta!).
  3. Una volta preparato l’impasto, coprite la ciotola con un canavaccio e lasciate riposare per 15-30 minuti, giusto il tempo che si compatti bene. Nel frattempo, potete preparare il sugo.
  4. Cospargete un tavolo (possibilmente in legno) di farina, togliete l’impasto dalla ciotola e impastatelo energicamente fino a ottenere un panetto ben compatto.
  5. Fate attenzione a non utilizzare troppa farina o l’impasto potrebbe asciugarsi. Tenete perciò sempre a portata di mano un po’ di acqua per reidratarlo!
* N.B. potrebbe non essere necessario utilizzare tutta l'acqua nella pentola! Dovrete ottenere un impasto di consistenza morbida ma ben compatto. 
p.h Ale Cossu

6. Una volta che l’impasto sarà ben compatto, morbido e liscio, iniziate a lavorarlo con il mattarello per ottenere una superficie liscia, ben stesa e non troppo fine.

7. Tagliate dunque dei filoni, che a loro volta verranno tagliati in piccoli pezzi (1.5 cm ca. l’uno). A questo punto, potete utilizzare una grattugia o anche una forchetta per lavorarli e dargli la forma.

Gli gnocchi possono essere cucinati sul momento o anche congelati. Se sceglierete quest’ultima opzione, fate attenzione che siano ben separati quando li mettete in congelatore, altrimenti si attaccano! Mentre, se preferite cucinarli, impiegano generalmente 8-9 minuti prima di essere pronti. Ve ne accorgerete, perché saliranno tutti a galla.

Noi amiamo condirli con il sugo di carne, ma sono ottimi anche nella versione vegetariana con sugo e una spolverata di ricotta salata o anche semplicemente con il sugo (mi raccomando, fresco!).

ALLERTA SPOILER: prossima settimana, RICETTA ACCIULEDDI!!!!!!!!!!

Categorie
Animali Fattoria Fattoria Didattica

La vita sociale degli asini

Spesso si pensa che gli asini siano animali poco intelligenti: ma la realtà è che questi animali vivono in un ambiente sociale molto attivo, che gli permette di sviluppare una sensibilità unica

Avete mai visto gli asinelli “mordersi” in questa maniera?

Gli asini sono animali speciali, estremamente docili e sensibili ma specialmente socievoli. Dimostrazione di ciò è il fatto che hanno un’intensa e complessa attività sociale all’interno del branco nel quale vivono: non si tratta solo di instaurare delle gerarchie di supremazia al suo interno, ma anche di interazioni tra i singoli asini.

Un esempio di interazione lo abbiamo proprio con quello che sembra essere un “mordersi” a vicenda: in realtà, ciò che stanno facendo è grattarsi! In questa maniera, non solo si danno piacere a vicenda, ma incrementano anche la fiducia l’uno nell’altro, imparano a conoscersi e a prevedere le azioni dell’altro.

Quando sono piccoli, ad esempio, tendono spesso a mordicchiare o salire sopra l’adulto, ricercando gioco e interazione. Azioni simili sono fondamentali per stabilire le relazioni interne al gruppo, imparare e conoscere e ri-conoscere gli appartenenti al suddetto gruppo.

Gli asini, infatti, hanno caratteri molto diversi tra loro, che possono mutare a seconda del periodo (accoppiamento, presenza di un cucciolo) e che definiscono i singoli individui; alcuni possono essere molto docili e sommessi, altri un po’ più aggressivi, altri ancora più giocherelloni o affettuosi.

Lo vediamo specialmente quando facciamo la fattoria didattica: gli asinelli sono sempre entusiasti di accompagnare i bambini, farsi coccolare e perfino cavalcare, rimanendo sempre molto calmi.

Non crediamo all’accezione negativa del termine asino! Gli asini sono animali fantastici, complessi e molto, molto intelligenti e sensibili (quanto testardi!).

Seguiti sul nostro sito www.agriturismolubranu.it o sui nostri social Instagram o Facebook!